Billy Sharp, la “volpe” di Sheffield

Quella di Billy Sharp è la storia di un uomo tenace.
Un attaccante che possiede un forte istinto del goal, con il suo soprannome, “The fox in the box“, cioè la “La volpe nell’area di rigore” che riassume bene le sue caratteristiche.
Furbizia, freddezza, opportunismo.

Un bomber con la 10 sulle spalle che vive per i goal, per il calcio, nonostante la vita non gli abbia mai regalato tante chances per spiccare il volo.

Anzi, la vita, nel 2011, lo ha messo in una situazione terribile.
Due giorni dopo la nascita del suo figlioletto, Luey Jacob, una gastroschisi se lo porta via.
All’epoca Billy giocava per il Doncaster, e nonostante le sofferenze di quella perdita, decide pochi giorni dopo, un po’ a sorpresa, di scendere in campo contro il Middlesbrough.
Il perché di quella voglia di essere sul rettangolo di gioco si è capito subito dopo il goal che realizza.
Un goal che voleva a tutti i costi.
Sguardo al cielo, occhi lucidi, mani alzate, divaricate, per far vedere a tutti la scritta sotto la sua maglietta: “Questa è per te, figlio“.

Un gesto che commosse tutti, anche l’arbitro Deadman che addirittura, contro il regolamento, non lo ammonì.

“Il mio goal stasera è stato il più importante della mia carriera, perché è dedicato al mio coraggioso ragazzo, Luey Jacob Sharp, ti amo, figlio, dormi bene, questo è per te figliolo”.

Il miglior modo per onorarlo, facendo ciò che a Billy riesce meglio.
Da lì Sharp decide di continuare a segnare e a segnare, tanto, ininterrottamente.
Anche perché sa che ogni goal che realizza indubbiamente va dedicato a Luey Jacob, che da lassù lo protegge e gli dà le motivazioni necessarie per scaraventarla ogni volta in rete.
In ogni suo goal c’è la voglia di ricordare suo figlio.

Quando segni così tanto alla fine qualcosa la conquisti, la vita alla fine ti ripaga per il bene che fai, nonostante a volte non sia clemente.
A inizio anno, con il goal al Wigan, Billy Sharp è diventato il miglior marcatore inglese nel calcio professionistico inglese nel XXI secolo, superando il record stabilito da Rickie Lambert, fermo a 219 goal.

A fine partita disse: “Ho sempre desiderato essere un giocatore della Premier League, ho avuto solo un paio di apparizioni lì. Sarebbe un sogno essere promosso lì con Sheffield United”.

Detto, fatto. Ha letteralmente trascinato i “Blades” al ritorno in Premier League dopo 12 anni con i suoi 23 goal stagionali, aggiornando quella speciale classifica inglese a 227 reti dal 1° gennaio 2000 ad oggi.
A 33 anni compiuti, il sogno di diventare protagonista in Premier League sta per realizzarsi.


Un combattente come Billy Sharp se lo merita tutto, per la sua forza, per la sua voglia e poi perché, i goal in Premier da dedicare al figlioletto avranno un sapore ancora più speciale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...